Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

 

Tentato furto in casa in via Pasta a Milano | La proprietaria sente rumori e chiede a figlio di chiamare polizia

Sventato un furto in casa per la prontezza di riflessi di una donna di sessant'anni che, mentre era al telefono con il figlio, intorno alle sette e mezza di pomeriggio del 2 giugno ha sentito rumori sospetti dall'esterno e, preoccupata, gli ha chiesto di avvertire la polizia.

Gli agenti si sono precipitati sul posto, in via Giuditta Pasta (verso Bruzzano), e hanno effettivamente sorpreso un uomo mentre tentava di forzare la finestra dell'abitazione della donna dopo avere danneggiato la zanzariera.

L'uomo è stato bloccato e arrestato per tentato furto in abitazione. Si tratta di un 35enne dell'Ecuador, irregolare in Italia e con alcuni precedenti di polizia. 



 
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

 

Rubano un motorino, poi si scagliano contro un carabiniere: arrestati due 15enni

Prima hanno cercato di rubare uno scooter - un Piaggio 50 - parcheggiato in via San Giusto. Poi, una volta scoperti, due sono scappati e altri due si sono scagliati contro un carabiniere, colpendolo con violenza e ferendolo. 

Serata movimentata, quella di martedì, in via San Giusto - zona San Siro a Milano -, teatro di un tentato furto poi trasformatosi in rapina e aggressione. 

Poco prima delle 20.30, all'angolo con via Dessiè, i carabinieri si sono imbattuti in quattro ragazzini che stavano cercando di forzare il blocco di un motorino per rubarlo. Alla vista dei militari, due giovani si sono dati alla fuga e sono riusciti ad allontanarsi. Gli altri due, invece, hanno aggredito uno dei carabinieri colpendolo alla testa. Nonostante il colpo e la successiva colluttazione, il militare è riuscito a fermare e ad arrestare i due, un romeno e un italiano di quindici anni. 

Per loro, già in carcere a San Vittore, le accuse sono di lesione a pubblico ufficiale a tentata rapina aggravate. Il carabiniere ferito, invece, è stato portato in ospedale per un trauma cranico e poi dimesso con sette giorni di prognosi. 



 
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

 

Milano, ragazzo arrestato nel Mediaworld di viale Certosa: stava rubando un tablet

Un ragazzo di diciotto anni, italiano, è stato arrestato martedì pomeriggio dai carabinieri del comando provinciale di Milano con l’accusa di furto. 

Il giovane, stando a quanto ricostruito dai militari, ha cercato di uscire dal Mediaworld di viale Certosa nascondendo un tablet della Samsung dal valore di 350 euro, naturalmente rubato. 

Gli atteggiamenti del ladro hanno però insospettito l’addetto alla sicurezza, che ha bloccato il diciottenne proprio mentre cercava di allontanarsi dal negozio. Per lui, a quel punto, sono scattate le manette. 



 
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

 

Spacca un'auto per rubare 14 euro: 21enne arrestato in via Nenni

Un ragazzo di ventuno anni, egiziano, è stato arrestato martedì sera dai carabinieri del comando provinciale di Milano con l’accusa di furto. 

Il giovane è stato fermato dai militari subito dopo aver distrutto il vetro di un’auto parcheggiata in via Pietro Nenni, nel quartiere Adriano.

Il ladro, una volta spaccato il finestrino anteriore, ha rubato quattordici euro in monetine dall’auto e un paio di occhiali. Poi, insieme a un complice - riuscito a fuggire -, ha tentato la fuga. 

La sua corsa, però, è durata pochissimo e i carabinieri sono riusciti a raggiungerlo e arrestarlo. Gli stessi militari hanno poi restituito i soldi e gli occhiali al legittimo proprietario. 



 
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

Arese (Milano) Il Centro: furto in vari negozi, tre giovani arrestati

Tre persone sono state arrestate nel centro commerciale di Arese nel pomeriggio del 7 giugno. Si tratta di un 18enne incensurato dell'Ecuador (residente a Cologno Monzese), una 20enne residente a Milano incensurata e un peruviano di 20 anni (pregiudicato) residente a Monza.

I tre giovani sono stati bloccati dai carabinieri di Arese all'uscita del centro commerciale. Si stavano allontanando dopo avere rubato capi d'abbigliamento in vari negozi per un valore totale di poco più di 200 euro. La refurtiva, recuperata, è stata restituita ai negozi. Per i tre giovani ci sarà la direttissima a Milano.



 
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

Sistemi d’allarme, guida alla scelta dell’antifurto per proteggere la tua casa

 

La sicurezza è fondamentale, soprattutto quando si tratta della propria famiglia. Ed è per questo motivo che la casa è un ambiente da coccolare, ma anche da difendere con il massimo delle vostre forze, per impedire ai ladri di penetrare all’interno, di derubarvi e di mettere in pericolo le vite dei vostri cari. In questo senso ciò che vi separa da una vita tranquilla è innanzitutto la qualità del sistema d’allarme, che deve essere sempre particolarmente professionale e installato da persone che lo facciano per lavoro.

Eppure il sistema d’allarme può anche essere una spesa non indifferente, giustificata dal suo scopo ma non per questo da fare a cuor leggero: in questo articolo, dunque, vi illustreremo come risparmiare sull’impianto di sicurezza spingendovi a sceglierlo autonomamente fra i tanti disponibili, ma al tempo stesso consigliandovi di rivolgervi ad un elettricista per la sua installazione. In questo senso, il nostro consiglio è di rivolgervi al web visitando siti come Fazland.com, che vi permetteranno di confrontare diversi preventivi per elettricista direttamente online. Una scelta, quella di rivolgervi a un professionista, di cui non vi pentirete: meglio risparmiare sull’acquisto dell’antifurto, vista la presenza di tanti modelli validissimi, piuttosto che sull’installazione, che è la parte più delicata e necessita di competenze specifiche.

Detto questo, ecco le migliori tipologie di antifurto:

L’IMPIANTO D’ALLARME CABLATO

Una delle scelte migliori per quanto riguarda la sicurezza della vostra abitazione è senza dubbio rappresentata da un sistema di allarme con fili, detto anche impianto cablato. La convenienza di questo antifurto è il fatto che, essendo collegato alla vostra centralina tramite un circuito a bassa tensione, basterà che solo un filo venga reciso per attivare l’allarme. L’impianto cablato è dunque in grado di garantire una sicurezza di alto livello, ma costa un po’ di più rispetto agli altri sistemi. Inoltre, non dimenticatevi che i fili ed i cavi del sistema d’allarme dovranno essere collocati dietro i muri e, dunque, richiederanno degli interventi di muratura invasivi.

L’IMPIANTO D’ALLARME WIRELESS

Il sistema d’allarme senza fili è una soluzione economica, di veloce installazione e di grande efficacia considerando che, essendo alimentato da piccole centraline a batteria, funzionerà anche nel caso in cui dovesse andar via la luce. Inoltre è molto comodo perché non richiede alcuna opera muraria e può essere facilmente trasportato in altre abitazioni. Ha, però, un grosso difetto: basandosi sulle onde elettromagnetiche, basta una piccola interferenza per farlo scattare, con grande gioia del vicinato. Una scelta consigliabile potrebbe essere un impianto misto, che utilizzi sia centraline elettriche che onde radio.

L’IMPIANTO D’ALLARME PERIMETRALE

L’ideale se parliamo di sicurezza notturna. L’impianto antifurto perimetrale, infatti, non viene installato all’interno della casa ma all’esterno, lungo le pareti ed il perimetro dell’abitazione, ed entra in funzione in caso di effrazione di porte o finestre. Questo significa che può essere attivato anche quando c’è movimento in casa, proteggendovi dagli intrusi nelle ore notturne. Inoltre questa è la soluzione più adatta a ville con ampi giardini.
























Furti e rapine nella notte in corso Como | 7 maggio 2017 Milano

Ben tre episodi di furti e rapine in strada, in meno di un'ora, nella zona di corso Como, nella notte tra sabato 6 e domenica 7 maggio. In tutti e tre i casi è intervenuta la polizia per raccogliere le denunce delle vittime.

Il primo episodio alle quattro e venti proprio in corso Como, angolo via Viganò. La vittima è un italiano di 47 anni che stava passeggiando quando è stato avvicinato da un nordafricano che gli ha strappato dalle mani il telefono, un One Plus 3, ed è scappato.

Il secondo episodio venticinque minuti dopo, in via De Cristoforis. Questa volta le vittime sono due turisti svedesi, uno di 43 anni e l'altro di 49, appena usciti da una discoteca della zona. Al primo sono stati rubati un telefono Sony e il portafogli, al secondo un Iphone. I due turisti sono stati strattonati dai rapinatori, che erano in quattro.

Il terzo episodio, infine, pochi minuti dopo le cinque in via Tocqueville angolo corso Como. La vittima è un giovane tedesco di 21 anni, avvicinato da tre nordafricani che gli hanno strappato l'orologio dal polso



 
























Furto in villa a Garbagnate Milanese (Milano) | Due arrestati

Sventato un furto in una villetta della periferia di Garbagnate Milanese nel pomeriggio dell'8 maggio. I carabinieri sono intervenuti su richiesta di una residente che aveva notato due persone mentre forzavano la finestra della cucina della villetta. Ai militari ha fornito anche una descrizione precisa dei due malviventi, che sono stati bloccati mentre cercavano di scappare.

I due hanno tentato di liberarsi di un grosso cacciavite e del bottino (collane, bracciali, anelli e orecchini d'oro) nascondendolo sotto un'auto in sosta, ma tutto è stato recuperato. Gli autori del furto sono un ragazzo di 16 anni e una ragazza di 22, entrambi rom domiciliati nel campo di via Monte Bisbino.

Il 16enne è stato condotto presso il centro di prima accoglienza minorile presso il carcere Beccaria, mentre la 22enne (già nota alla giustizia) è stata trattenuta in camera di sicurezza.
























 

Milano, Banda di giovanissimi beccata a scassinare la saracinesca di un bar: quattro arresti

Quattro ragazzini italiani sono stati bloccati dalla polizia mentre erano intenti a forzare la saracinesca di un bar in via Passarella, a Milano. E' successo durante la notte tra lunedì e martedì, attorno alle tre. 

Due dei quattro - di diciannove e diciotto anni - sono stati arrestati in flagranza perché 'beccati' proprio con gli arnesi in mano. Gli altri due, un diciassettenne e un sedicenne, sono stati solo denunciati perché facevano da palo. L'accusa nei loro confronti è quella di tentato furto pluriaggravato in concorso.

Gli agenti hanno bloccato la gang - tre dei fermati avevano precedenti penali - prima che questi riuscissero a fuggire grazie ad una segnalazione di un residente della zona.



 




















 

Tentato furto all'interno della K-Flex: i carabinieri arrestano un ladro dopo una scazzottata

Un cittadino bulgaro di quarantasette anni è stato arrestato dopo un tentato furto all'interno dell'Azienda K- Flex, al centro da tempo di un caso sindacale.

L'uomo è stato sorpreso la notte tra martedì e mercoledì mentre con un complice - poi riuscito a fuggire - armeggiava all'interno della ditta. 

A notare la scena è stato l'addetto alla sicurezza che ha poi avvertito i carabinieri. Sul posto, Roncello (Mb), sono intervenuti i carabinieri di Trezzo sull'Adda. I militari hanno bloccato l'uomo dopo una breve colluttazione. Si tratta di una persona già nota alle forze dell'ordine.




















Pagina 1 di 16